Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
 

Fiori di Bach: i principi base

Edward Bach credeva implicitamente nella cura della persona ammalata piuttosto che della malattia: questo convincimento, insieme al suo intenso sentimento religioso, lo spronò a cercare un sistema di cura che prendesse in considerazione gli squilibri fisici, mentali, emotivi e spirituali che egli considerava alla base dell'insorgere della patologia. Adottò un punto di vista intransigente a proposito delle malattie; secondo Bach esse sorgono dall'incapacità del paziente di ascoltare il proprio intuito e seguire un istinto positivo.

Egli riteneva che l'essere umano diventa vulnerabile alle malattie quando una resistenza di fondo agisce come ostacolo al vero sviluppo della personalità: tale resistenza può prendere la forma di emozioni come ansia, ira o rigidità mentale, che potrebbero essere sufficienti a bruciare il potenziale positivo di una personalità equilibrata.

In comune con Samuel Hahnemann, Bach vedeva i sintomi della malattia secondo una prospettiva positiva, in quanto ci avvertono della necessità di apportare modifiche, ad esempio cercare di correggere gli eccessi alimentari, rilevare le deficienze nello stile di vita (come la mancanza di esercizio fisico o di rilassamento), o evitare le abitudini a pensieri negativi che potrebbero minare la salute.

Tuttavia, Bach andò ben oltre Hahnemann nella sua interpretazione, poiché sviluppò un approccio altamente simbolico per la comprensione dei sintomi fisici: ad esempio, egli vedeva la rigidità delle articolazioni e dei muscoli come un riflesso della rigidità mentale, mentre i sintomi asmatici potevano essere interpretati come un soffocamento delle reazioni emotive ad un trauma.

 È interessante notare che abbiamo qui un marcato contrasto tra gli approcci di Hahnemann e Bach nello sviluppo di un sistema medico unitario: benché entrambi partissero da principi di base assai simili, Hahnemann diede grande enfasi alla necessità di osservazione dei dati clinici, verificabili per mezzo di esperimenti controllati (ancora oggi elemento fondamentale nella sperimentazione clinica dei rimedi omeopatici), mentre Edward Bach era molto più attratto dall'uso dell'intuizione e dell'interpretazione simbolica dei sintomi della malattia, rendendo estremamente fluidi i confini tra l'esperienza religiosa e la cura delle malattie.

 Bach considerava assai controproducente la terapia ortodossa con i farmaci, che sopprimeva temporaneamente i sintomi fisici, senza intervenire alla radice del problema: secondo lui, quando la debolezza costituzionale non riceve un adeguato controllo, il risultato inevitabile non può essere che una futura evoluzione verso malattie più serie.

Bach riteneva che il medico avesse un ruolo di consigliere e di assistente, aiutando il paziente ad assumersi sempre più la responsabilità della propria salute; i suoi rimedi floreali hanno una funzione molto simile perché, oltre a sostenere nei momenti di stress e di cattiva salute, possono essere usati prima che compaiano sintomi patologici. In quest'ottica, i fiori di Bach rappresentano una forma di terapia preventiva da intraprendere quando nell'insieme ci si sente esauriti o fuori forma.

 

FIORI DI BACH PER I TUOI ANIMALI DOMESTICI

 

I tuoi animali, proprio quelli che ami, sono capaci anche loro, come ben saprai di avere un vasto campo di emozioni. Uno scodinzolare felice o un ritirarsi in un angolo sicuro, possono indicare come si sentono o come sentono certi stimoli. Sta a noi percepire le emozioni dei nostri animali perchè come noi, quando non stanno bene a livello emozionale, non stanno bene nemmeno fisicamente. Uno dei rimedi più importanti per il benessere naturale degli animali domestici è il rescue remedy. Questo rimedio di emergenza, insieme ai 38 rimedi dei fiori di Bach è usato con successo dai possessori di animali e da veterinari di tutto il mondo. Il Rescue Remedy e i fiori di Bach aiutano e rassicurano le emozioni e i comportamenti dei vostri animali in un'ampia varietà di situazioni difficili quali:

Visite dal veterinario

Paura di forti rumori

Abbaiano eccessivamente

Adattamento alla perdita del padrone o di compagni

Stress dovuto a solitudine

Shock o trauma o maltrattamenti

Ansia quando si devono adattare a nuovi ambienti (nuova casa, cuccia, stalla ecc.) e molto altro

Potete usarlo anche come parte di un programma di medicina preventiva. Tuttavia, per condizioni persistenti raccomandiamo un esame professionale da parte del veterinario per prevenire diagnosi errate.

Come si usano:

Il metodo più comune di usarlo è di aggiungere 4 gocce di Rescue Remedy o 2 gocce di ogni di singolo fiore di Bach nell'acqua dei vostri animali. Potete anche applicarlo direttamente nella bocca o spruzzato nel cibo. Altri metodi sono: inumidendo il naso, le orecchie, le labbra o tamponando il palmo della zampa del vostro animale. Gli animali comunque sia, l'assorbiranno leccandolo o direttamente attraverso la pelle. Per animali più grandi (come cavalli, maiali o bestiame, ecc.) che normalmente bevono da contenitori con una maggiore quantità di acqua il dosaggio deve essere aumentato a 10 gocce di rescue remedy e a 5 gocce di ogni singolo rimedio dei fiori di Bach per secchio di acqua. Suggeriamo di scegliere il metodo che ritenete più semplice affinché l'animale assuma il corretto dosaggio.


 
P.IVA: 13145431006                        Disclaimer & Copyright                       Seguimi su Facebook                  e-mail: info@laviadellasalute.com                                                                   Questo sito non fa uso di cookies
  Site Map